lunedì 19 gennaio 2009

sabato 17 gennaio 2009

Meraviglioso

E' un po' che mi "tormenta" questa canzone.. ma è troppo bella!

Meraviglioso
(Domenico Modugno, cantata dai Negramaro)


E' vero, credetemi è accaduto
di notte su di un ponte
guardavo l'acqua scura con la dannata voglia
di fare un tuffo giù.
D'un tratto qualcuno alle mie spalle
forse un angelo vestito da passante
mi portò via dicendomi così.

Meraviglioso, ma come non ti accorgi
di quanto il mondo sia meraviglioso
meraviglioso, perfino il tuo dolore
potrà apparire poi meraviglioso

ma guarda intorno a te
che doni ti hanno fatto
ti hanno inventato il mare
tu dici: "Non ho niente" ti sembra niente
il sole, la vita, l'amore.

Meraviglioso, il bene di una donna
che ama solo te. Meraviglioso
la luce di un mattino
l'abbraccio di un amico
il viso di un bambino, meraviglioso.

Ma guarda intorno a te
che doni ti hanno fatto
ti hanno inventato il mare
tu dici non ho niente
ti sembra niente il sole
la vita, l'amore, meraviglioso.
Il bene di una donna
che ama solo te, meraviglioso.
La notte era finita
e ti sentivo ancora
sapore della vita
meraviglioso, meraviglioso

meraviglioso...

venerdì 26 dicembre 2008

AUGURI DI BUONE FESTE A TUTTI!

video

Anche se in ritardo... auguri a tutti cari armasti!

La nascita di Gesù ci doni quello che più desideriamo per la nostra vita!

venerdì 17 ottobre 2008

Gli armasti ai matrimoni


Eh sì carissimi armasti non si può non parlare del comportamento tipico dell'armasto/a invitato alle nozze dei suoi amici.


Ormai veterani dei matrimoni, gli armasti si ritrovano in piccoli gruppi a questo genere di cerimonie, si informano su quanti armasti ci sono e in quali tavoli saranno sistemati. Solitamente gli sposi hanno sempre un occhio di riguardo per i propri amici armasti, tentando anche durante il ricevimento di nozze di organizzare appuntamenti al buio con qualsiasi invitato, purchè l'amico armasto si sistemi. Tanti sono i luoghi per abbordare l'armasto/a... i buffet, i balli a fine pranzo/cena e il ritrovo post-cerimonia a casa degli sposi.

Dal canto suo l'armasto/a non può lasciarsi sfuggire queste occasioni e si mette in bella mostra, dando il meglio di sè; si prodiga per ogni genere di servizio agli sposi (autista, portaborse,lettore, cantore ecc..) e si fa fotografare per avere un ricordo di quanto era in "tiro" quella volta. Per non parlare poi degli scherzi... perchè gli accoppiati non hanno tempo di pensare agli scherzi del matrimonio e allora ecco qua l'armasto che si ingegna e che si sbatte a destra e a manca per festeggiare i propri amici.


Ma vogliamo parlare del lancio del bouquet?!?

perchè mai questo bouquet finisce sempre nelle mani delle ragazze già fidanzate, con nozze già semi-fissate e mai nelle mani delle armaste? per quale legge di gravità o del moto il bouquet va da tutt'altra parte, nonostate la sposa abbia preso la mira, sebbene girata, per lanciarlo alla propria amica armasta? le armaste studiano tutte le traiettorie possibili, si posizionano in punti strategici... ma niente da fare! sto bouquet non s'ha da pigliare...

solo una volta ebbi il brivido di sfiorarlo, ma una accoppiata stangona con una gomitata si è accaparrata il boquet.. che doveva essere mio!!!!


E così tra un confetto e l'altro... anche questo matrimonio passerà, prendendo sempre più consapevolezza della propria armastitudine.. ma questa è già un'altra storia...

domenica 5 ottobre 2008

Viviamo tutti in un fumetto. Seriale.

Esistono due tipi di fumetti.
Quelli che hanno una fine in cui il protagonista, dopo aver vissuto la propria avventura, salva il mondo oppure muore o si sposa, vive felice e contento, sconfigge definitivamente il malvagio di turno...
Insomma ad un certo punto la storia si conclude, cessano le pubblicazioni e il personaggio continua a vivere solo nel cuore dei lettori, sui mercatini dell'usato e nelle ristampe.

E poi ci sono quelli in cui le avventure continuano per sempre. Cambiano gli autori, il costume, il disegnatore, i lettori... ma la serie continua.
Le avventure si susseguono l'una all'altra. Mese dopo mese, anno dopo anno i personaggi sono condannati ad un eterno presente che li vede protagonisti sempre delle stesse avventure, per la gioia dei lettori e soprattutto degli editori.

Ecco, noi armasti siamo condannati a vivere in un fumetto di questo tipo. Si susseguono le storie, gli innamoramenti, le illusioni, i baci... e le delusioni.
E' un copione iniziato nella pubertà che va avanti senza fermarsi, nemmeno quando si è abbondantemente superata la soglia dei 30.
Non arriva quella fine delle pubblicazioni tanto sospirata, quel grande amore travolgente ed unico, quel matrimonio o quel figlio che mettono un punto nella vita. La storia continua, sempre uguale a se stessa.

Anche Kenshiro, dopo aver abbattuo innumerevoli avversari, dopo aver salvato il mondo, dopo aver compreso anche l'ultimo segreto delle arti marziali ha preso tra le sue possenti braccia la sua Julia, l'ha issata su Re Nero ed è partito per la luna di miele.

Poi però l'affetto dei lettori e l'avidità dell'editore hanno costretto l'autore a far morire Julia e a richiamare Kenshiro a nuove battaglie, ad altri avversari, ad un mondo ancora in preda alla violenza e a nuovi segreti da scoprire.

Anche nella nostra vita c'è uno sceneggiatore sadico.

E' tempo di iniziare a scrivere da soli la storia della nostra vita!

sabato 6 settembre 2008

Gene traditore!


Care Armaste, sì mi rivolgo a voi donne, la battaglia è persa!
Se un uomo ci tradisce non è colpa sua, ma di uno dei suo geni, che se ne sta lì, appartato in qualche angolo del suo corpo, e quando più gli fa comodo ne approfitta! La scienza insomma ci dice che dobbiamo rassegnarci, perché sembra inoltre che il gene malandrino appartenga solo agli uomini…

Ve l’immaginate, un uomo che torna a casa scusandosi “Non sono stato io, è il mio Gene che mi ha costretto!”
Adesso sappiamo che quando un uomo ci dice “Son fatto così, non posso farci niente”, in fondo, povere noi, ha ragione. Oltre a dover discutere con l’unico neurone che ha in testa, noi donne se tradiamo siamo solo delle p…. poco di buono…. ecco!
Argomento molto a cuore al nostro caro Presidente, faccio un appello alle Armaste: se proprio dovete tradire, fatelo solo per “amore”. Anche contro questo non si può far niente…

martedì 12 agosto 2008

L'altra faccia della medaglia

Forse non è chiaro nel mio post precedente che tutte le ragazze che mi hanno detto quelle frasi di stima, ma che non hanno voluto avere una storia con me, erano sincere.

A distanza di anni dalla maggior parte di quelle frasi c'è, con tutte loro (tranne in un paio di eccezioni) una splendida amicizia.

Cosa sarebbe la vita di un armasto senza amiche così speciali che quando ne hai bisogno ci sono, pronte ad ascoltare, consigliare, incoraggiare, abbracciare?

Cosa sarebbe la vita di un armasto senza l'amicizia, senza quel po' di affetto che ti permette di andare avanti.

E, pensandoci bene, cosa sarebbe la vita di chiunque, armasto o meno, senza l'amicizia?

domenica 10 agosto 2008

L'arte di dire "no"

In tanti anni da Armasto non per mia scelta ho avuto modo di sentirmi dire "no" in maniere molto diverse e fantasiose. Ecco alcuni esempi.


-"Ti voglio talmente bene che con te mi sembrerebbe un incesto" ...

-"Penso che la ragazza che sposerai sarà molto fortunata" Incurante del fatto che io li davanti sbavavo per lei...

-"Credo che enterò in convento" Lo giuro! E' successo davvero!

-"Tu sei l'uomo ideale" me lo ha detto qualche hanno dopo non averne voluto sapere di me, subito dopo essersi sposata (con un altro).

-"Mi spiace, mi è venuta un po' di influenza" Mai più rivista dopo.

-"Per me tu sei un essere asessuato" Non ho commenti.

-"Razionalmente tu sei il migliore al mondo, però... non lo so" Non lo so nemmeno io!


Ragazzi, accettate un consiglio, lasciate perdere le romanticherie, poesie, fiori, regali, attenzioni, coccole... sono inutili. Iscrivetevi in palestra e fate gli stronzi. Non c'è altra soluzione.

venerdì 18 luglio 2008

Sushi


Cari amici, la settimana prossima faremo un'uscita per assaggiare il gustosissimo sushi giapponese. Chi avesse piacere di partecipare ci contatti al più presto. Il localino è piccolo e occorre prenotare quanto prima. Ci sono stato un paio di mesi fa e vi garantisco che merita davvero. Provare per credere. Per gli scettici visitate il link..
Ciao a tutti e buone vacanze :)


sabato 5 luglio 2008

Gli Armasti fanno gli zii

Un interessante fenomeno si sta osservando tra gli Armasti, sembra infatti che molti di loro per esercitare le proprie capacità paterne e materne si trasformino in zii tuttofare, ovviamente di tutti i nipotini del parentado, ma soprattutto di tutti i figli degli amici accoppiati.

E' così che lo zio armasto diventa un eccezionale compagno di gioco, un attento conoscitore delle ultime novità nel campo dei giocattoli tecnologici, un fotografo super professionale sempre pronto a immortalare ogni evento speciale del nipote acquisito.
Che dire poi della zia armasta? ricamatrice assidua di ogni bavaglino o asciugamano che abbiano come soggetto il cartone animato preferito dai loro nipotini, esperta di tutti i giochi didattici-educativi e di tutto il necessario corredo di biancheria e vestiario 0-3 anni.

Insomma degli zii così speciali e amati... che tutti li vorrebbero avere!